Gruppo Nardello > Azienda > La storia

Storia

Fabio e Guido NardelloGuido Nardello nasce nel 1934 nella campagna di San Giorgio in Bosco (PD) da genitori contadini. All’età di 13 anni, insieme ai fratelli e cugini, iniziava l'attività di cavatore di ghiaia sull’argine del fiume Brenta in località Lobia di San Giorgio in Bosco, con concessione demaniale. L'attività di scavo veniva svolta a mano con il badile e crivello in rete di ferro. La ghiaia e sabbia differenziata veniva caricata su carri trainati da cavalli e autocarri e venduta a privati o imprese per eseguire le prime costruzioni degli anni ’50.

Nardello Guido durante il servizio obbligatorio di leva si specializzava nell’utilizzo di mezzi cingolati apripista e autocarri. Terminato il servizio di leva acquistava insieme ai fratelli dei mezzi dismessi dall’Esercito Americano tipo Doodge dotati di cassone ribaltabile e motore a benzina modificato per l'alimentazione a metano, con bombole poste sotto il pianale del mezzo. Tali mezzi venivano adoperati giorno e notte per distribuire la ghiaia presso le imprese di costruzioni dislocate nelle province di Padova, Vicenza e Treviso.

Con il passare degli anni il parco mezzi si amplia, tra i quali si possono annoverare gli autocarri Fiat 682, due e tre assi, i Fiat 690 a quattro assi, gli escavatori FAI 67, FAI 900, Katerpillar 920, Fiat PMI 820 e i mezzi d’opera Mercedes 2636 K32.

La direzioneI figli Daniela, Valentino e Fabio, imprimono all’attività paterna una grande svolta, sia sotto il punto di vista organizzativo del lavoro, sia dell'innovazione e nel 1995 costituiscono la Nardello Guido e Figli s.r.l., nella quale il geom. Fabio Nardello ne ricopre il ruolo di direttore generale dell’impresa.

Grazie alla tenacia e alla passione, la costituita nuova impresa si indirizza e specializza nel settore delle costruzioni divenendo un nome di prestigio nell’Alta Padovana. Da allora, il continuo perfezionamento tecnico, costruttivo ed organizzativo, conduce l’impresa ad ottimi livelli di efficienza e competenza, affermandosi e distinguendosi nel panorama del Nord-Est.